Archivio Mensile: maggio 2016

Libero Scala (1917-2016)

L’ANPI rende onore ad uno dei protagonisti della Resistenza cremonese, Libero Scala, scomparso il 21 maggio scorso. Non molti giorni fa i suoi familiari avevano ritirato in Prefettura la “medaglia della Liberazione” essendo lui impossibilitato a muoversi.

Libero Scala è nato a Cremona il 2 ottobre 1917. Operaio ed antifascista, fu tra i primissimi a ribellarsi al regime nel 1943. Già prima dell’otto settembre faceva parte del composito gruppo cittadino di Emilio Corsico, fucina di elementi che poi confluiranno in varie formazioni. Lui opera nel PCI clandestino, a diretto contatto con i segretari Marturano e poi Gaeta. Con l’occupazione tedesca ela RSI lui fa parte dell’organizzazione che incanala i giovani sbandati e renitenti alle formazioni di montagna. Quindi, con Lino Bassi e Davide Susani, sotto la direzione di “Carmen” Ruggeri e di Arnaldo Bera, organizza il passaggio delle SAP cittadine alle azioni di resistenza armata. Partecipa così ad audaci azioni per procurare man mano armi per l’insurrezione. Continua »

Nel 70° della Costituente

Nel 70esimo anniversario del Referendum repubblica-monarchia e dell’elezione dei membri dell’Assemblea Costituente, ANPI Cremona invita all’incontro pubblico che si terrà sabato 28 maggio ore 17 presso la Sala Zanoni (via del Vecchio Passeggio 1).
Relatori:
Giuseppe Azzoni – Comitato provinciale ANPI Cremona: Il confronto elettorale nella stampa cremonese, i risultati, i costituenti Ludovico Benvenuti, Ernesto Caporali, Pietro Pressinotti
Gian Carlo Corada – Pres. Prov. ANPI Cremona: I costituenti Giuseppe Cappi e Dante Bernamonti
Presiede la serata Valentina Corbani, pres. ANPI sezione “Allende”

Medaglie della Liberazione

Sono state consegnate venerdì 6 maggio 2016, presso la Prefettura, le 13 “Medaglie della Liberazione”  del Ministero della Difesa a 13 partigiani viventi della nostra provincia (vedi articolo):

Armando Boselli, 1924, Cremona; Adriano Bosini, 1924, Cremona; Marco Bricchi, 1923, Cremona; Mario Coppetti, 1913, Cremona; Luigi Cortinovis, 1925, Rivolta d’Adda; Arcangelo Delfanti, 1924, Soresina; Gioele Maffioli, Cremona; Aurelio Magni, 1921, Casalmaggiore; Luigi Milanesi, 1926, Annicco; Giuseppe Rossi, 1924, Casalmaggiore; Elia Ruggeri, 1926, Crema*; Libero Scala, 1917, Cremona; Domenico Stanga, 1923, Castelleone. Continua »

Lotte, miseria, speranze del maggio sulle pagine del “Fronte Democratico”

Quel 1946 della Repubblica e della Costituente (5)

Sfoglio le pagine del quotidiano del CLN di Cremona, “Fronte Democratico”, del mese di maggio 1946, settanta anni fa.

“La festa di tutti i lavoratori riafferma la volontà di rinascita e di ricostruzione dell’Italia” è il titolo a tutta pagina di mercoledì 1 maggio. Accanto al fondo di Ernesto Caporali c’è “L’appello della Camera del Lavoro” firmato dai rappresentanti delle correnti sindacali comunista (Bernamonti), socialista (Caporali) e democristiana (Formis). Vi si esalta la conquista della libertà e della pace ma si sottolinea anche che “la Patriaè tuttora in rovina”, la ricostruzione troppo lenta, la disoccupazione gravissima. Continua »