Archivio Mensile: giugno 2016

Resistenza in festa 2016

Il programma

Venerdì 17
Ore 19,00 Apertura stand gastronomici
Ore 21,30 Inaugurazione ufficiale della festa
Ore 21,45 CONOSCERE LA COSTITUZIONE – Oliviero Marchesi a colloquio con Ernesto Bettinelli
Prof. Ordinario di Diritto Costituzionale (Facoltà di Giurisprudenza – Università degli studi di Pavia)
Sabato 18
Ore 10,30 EREDI DELLA MEMORIA,
Marzabotto e Museo Cervi sacro insegnamento civile per le nostre comunità: Incontro coi sindaci di Marzabotto, di Monzuno e con il Museo Cervi di Gattatico (RE)
Ore 13,00 Pranzo sulla Festa
Ore 15,00 Crociera sul Po in motonave
Ore 18,00 MIGRAZIONI DA VICINO: voci e storie di migranti e di comunità che accolgono – APERITIVO
Ore 19,30 Cena sulla festa
Ore 21,45 AGOSTO 2015, INCONTRI SULLA ROTTA BALCANICA
(Slide-show con foto di Ottani, testi di Rumiz e voce narrante di Roberta Biagiarelli).
Ore 22,00 CONCERTO: DURKOVIC e i fantasisti del metrò
Domenica 19
Ore 10,30 DONNE, dalla RESISTENZA ALLA SOLIDARIETÀ
Valentina Corbani: Le donne cremonesi nella Lotta di Liberazione;
Fabio Abeni: Quando da noi si ospitarono i bambini delle zone d’Italia più colpite dalle bombe e dalla miseria.
Ore 11,30 VIOLENZA NELLA TERZA ETÀ
strategie d’intervento nell’assistenza agli Anziani
Luigino BALDINI (Segretario Provinciale SPI/CGIL)
Ore 12,30 PRANZO PARTIGIANO
Ore 19,30 Cena sulla festa
Ore 22,00 DONNE DELL’EPOCA
(Spettacolo teatrale a memoria del 70° anniversario del voto alle donne) di e con Roberta Biagiarelli.

70° anniversario della Repubblica al Col del Lys

Domenica 3 luglio 2016, come ogni anno, gli antifascisti cremonesi dell’Anpi si recheranno al Col del Lys per rendere omaggio ai partigiani caduti nelle valli di Susa, Chisone, Sangone e Lanzo.
Il 2 luglio 1944 al Col del Lys, per mano dei nazifascisti, si spensero le giovani vite di 5 cremonesi e 22 altri partigiani, ma si rafforzò il sogno di un’Italia libera e democratica, sogno che si realizzò esattamente 70 anni fa con la nascita della Repubblica democratica e antifascista.
Il gruppo dei cremonesi chiuderà il corteo deponendo un fiore al monumento che ricorda l’eccidio del Col del Lys, e rivolge a tutti gli antifascisti l’invito a partecipare.

Partenze pullman
- Ore 05:00 da Pessina Cremonese
- Ore 05:30 da Cremona (Porta Venezia)
Costo pullman €15,00
Pranzo al sacco, oppure pranzo presso la tensostruttura al costo di €20,00 (da comunicare al momento dell’iscrizione al viaggio).

Per prenotazioni:
Anpi Cremona 0372/38624
Mail: anpicremona@gmail.com

Il confronto nella campagna per il referendum istituzionale e l’Assemblea costituente

Al microfono Stellina Vecchio - Archivio fotografico Cgil Cremona

Quel 1946 della Repubblica e della Costituente (6)

L’ANPI cremonese ha celebrato, con un incontro pubblico in sala Zanoni, il 70° della votazione con cui il popolo italiano ha sceltola Repubblica ed eletto l’Assemblea costituente. In apertura il presidente Gian Carlo Corada ha ricordato il partigiano e dirigente dell’ANPI, Libero Scala, scomparso di recente. Hanno poi parlato la segretaria cittadina, Valentina Corbani (con particolare riferimento alla storia per il diritto di voto alle donne finalmente attuato con la Liberazione), lo stesso prof. Corada e Giuseppe Azzoni con riferimento a quella storica campagna elettorale. La prossima nota sarà dedicata agli eletti cremonesi nella Costituente.

Nel referendum del 2 giugno 1946 quella di Cremona risultò una delle terre più repubblicane. Fortissima l’affluenza: il 94% degli aventi diritto, cioè tutti gli uomini e per la prima volta (dopo le amministrative delle settimane precedenti) le donne.La Repubblica ebbe 144.808 voti (65,2% mentre il dato nazionale fu del 54),la Monarchia  77.192 (34,8%, dato nazionale 46). Cremona città dette alla Repubblica il 70%, fu il capoluogo più repubblicano tra quelli lombardi, tra le prime città in Italia. Crema votò Repubblica al 67%, a differenza della sua area nella quale la monarchia ebbe notevoli consensi. Continua »