Archivio Mensile: luglio 2016

Smuraglia: Abbiamo sfiorato le 500.000 firme. Un risultato comunque eccezionale

È ormai ufficiale la notizia che le firme raccolte sui due quesiti relativi alla legge elettorale sono circa 420.000, sfiorando così il “tetto” previsto dalla legge (quorum a 500.000), ma non raggiungendolo per poco. Un risultato, comunque, eccezionale viste le condizioni date, di cui parlerò più avanti e visto lo sforzo straordinario compiuto dagli aderenti ai Comitati per il SI, prima fra tutti l’ANPI, che si è impegnata fino allo spasimo, in tutte le zone, anche le più remote d’Italia.

Non ci sarà, dunque, il referendum sulla legge elettorale perché nessun altro l’aveva chiesto; tuttavia si attende l’esito del giudizio, pendente davanti alla Corte Costituzionale, per il quale è fissata l’udienza del 4 ottobre 2016. In ogni caso, molto dipenderà anche dal referendum sulla riforma del Senato, che ci sarà comunque e che se vedrà – come speriamo – la vittoria del NO, influirà necessariamente anche sulla legge elettorale, scritta per la sola Camera e con la previsione di un Senato quasi annullato, dunque una legge da rifare. E integralmente, non tanto sui punti su cui si è svolta una discussione in questo periodo, quanto sugli aspetti più volte denunciati di antidemocraticità. (continua a leggere)

I cinque cremonesi eletti nella Assemblea Costituente il 2 giugno 1946

Dante Bernamonti

Quel 1946 della Repubblica e della Costituente (7)

Gli elettori che il 2 giugno di 70 anni fa si recarono alle urne votarono sia per il referendum monarchia o repubblica sia per eleggere l’Assemblea costituente. Naturalmente identica la percentuale dei votanti: ben il 94%, degli aventi diritto. Nel cremonese furono tre i partiti che vi elessero propri candidati.La DC, con 80.395 voti, designò Giuseppe Cappi (28.474 le sue preferenze) e Ludovico Benvenuti (12.671). Il Partito Socialista con 67.646 voti elesse Ernesto Caporali (10.558 preferenze) e Pietro Pressinotti (9.725). Per i comunisti, che ebbero in provincia 50.164 voti, fu eletto Dante Bernamonti (11.902 preferenze). Diamo, per ognuno di loro, essenziali annotazioni e poche significative righe che li riguardano in quanto Costituenti. Continua »