Lavoro, diritti, democrazia nella Costituzione

Referendum

Il 22 ottobre i cittadini lombardi saranno chiamati a votare sul referendum con il quale la Regione Lombardia chiede allo Stato maggiore autonomia e maggiori poteri

L’Anpi ritiene che, sull’argomento, alcuni punti vadano chiariti:

  • Questo referendum ha carattere esclusivamente consultivo; quindi, anche se dovessero prevalere i Sì, la Lombardia non avrà né maggiore autonomia né maggiori poteri.
  • Ciò che viene chiesto nei due quesiti è già previsto, in altra forma, nella Costituzione laddove viene disciplinato il sistema delle autonomie (art.5 e art.116). Nello specifico: ogni Regione può ottenere condizioni particolari di autonomia attraverso confronti diretti tra Stato e Regione.

Alla luce di questo, risulta evidente l’INUTILITà di una consultazione popolare su obiettivi che possono essere già raggiunti in altro modo, se l’amministrazione lombarda ne ha l’effettiva volontà. Inutilità ancor più grave se si pensa che LA SPESA per il referendum ammonta ad alcune decine di milioni di Euro che di certo potrebbero avere una più proficua destinazione.

Inoltre c’è da aggiungere che i quesiti referendari sui quali si chiede ai cittadini di votare sono assolutamente generici, ovvero non viene specificato in quali campi si richiede maggiore autonomia e maggiori poteri.

Infine l’Anpi esprime la propria preoccupazione per un uso della consultazione referendaria che, vista la sua inutilità nel caso in questione, potrebbe portare allo svilimento di uno strumento fondamentale di democrazia.

Ogni cittadino è libero di votare come crede, ma l’Anpi auspica che ciascuno terrà presente, anche in questo caso, i princìpi che si ricavano, in modo indiscutibile e chiarissimo, dalla Carta Costituzionale.

Il pericolo dei nuovi fascismi

Fascismo e democrazia

di Gian Carlo Corada

Negli ultimi tempi si è molto parlato di fascismo ed antifascismo. Per varie ragioni. Anzitutto per diverse iniziative, a Milano ed altrove, di gruppi come “Casa Pound”, “Lealtà ed Azione”, “Forza Nuova”, che sono riusciti anche a prendere voti nelle recenti elezioni amministrative e far eleggere consiglieri e assessori. Poi, per la discussione di una proposta di legge, primo firmatario l’on. Fiano del PD, che vieta e punisce la propaganda di fascismo e nazismo e la ricostituzione di partiti ad essi ispirantesi, come peraltro già previsto dalla nostra Costituzione e da diverse leggi (la “Scelba” in particolare). Ora, esiste davvero il pericolo di un ritorno in Italia, in maniera massiccia, di ideologie e forze fasciste? Fino a qualche tempo fa, l’opinione prevalente fra commentatori e politici era che si trattasse di un fenomeno modesto, di alcuni vecchi nostalgici. Più folklore che altro, con commemorazioni ai cimiteri, saluti romani ed inni al Duce. E che fosse addirittura negativo parlarne, per non moltiplicarne il messaggio. Adesso, invece, ne parlano un po’ tutti! Il Direttore de “L’Espresso” (che apprezzo molto, peraltro) arriva a dire, nell’ultimo numero del settimanale, che “la voglia di fascismo… è indole italica” e che siamo un “popolo nato con la camicia (nera)”. Continua »

Antifascisti cremonesi nella guerra di spagna 1936-39

La festa dell’ANPI a Monticelli ha dedicato la serata di venerdì 23 giugno all’80° della guerra di Spagna. Si è inaugurata una importante mostra, commentata dalla curatrice Bruna Tabarri, figlia del combattente garibaldino in Spagna Ilario. È seguito il ricordo dei combattenti antifascisti in Spagna piacentini (relatore Franco Sprega) e cremonesi (Giuseppe Azzoni). Francesco Cattaneo, dell’ANPI di Lodi ha tratteggiato la figura di Francesco Scotti, nato a Casalpusterlengo e tra i protagonisti della lotta antifascista in Spagna e poi in Italia.

Per quanto riguarda il cremonese è stato innanzitutto ricordato l’oltranzismo di Farinacci anche in questa vicenda. Egli, insieme a Starace, fu in primissima fila nel propugnare l’intervento italiano in quella guerra, spalla a spalla coi camerati tedeschi. Nella primavera del 1937 andò egli stesso in Spagna, delegato da Mussolini a conferire con Franco ed a consolidare i rapporti con la Falange. Da Cremona partiranno diverse centinaia di “volontari” legionari del fascio, con ingaggio e paga giornaliera che si accompagnavano a pressioni e promesse di vario genere. Anch’essi, proprio in quel marzo in cui Farinacci è in Spagna, saranno partecipi della umiliante sconfitta fascista a Guadalajara. Nel corso della guerra diverse decine di loro saranno tra i caduti. Continua »

Walter Federici e Giustizia e Libertà

Società Filodrammatici, Associazione Zanoni, ANPI ed APC hanno recentemente promosso la commemorazione di Carlo e Nello Rosselli. Vale la pena ricordare che anche in terra cremonese i valori che i Rosselli hanno testimoniato – e quanto da loro intrapreso – ebbero un seguito con Giustizia e Libertà e col Partito d’Azione. Lo attestano vicende, arresti, persone negli anni del regime e poi nella Resistenza. Erano di Giustizia e Libertà e/o del Partito d’Azione Lionello Miglioli (che guidò la formazione partigiana di GL di Cremona e la intitolò ai fratelli Rosselli), Francesco Frosi (Presidente del CLN), Giulio Parietti (Prefetto della Liberazione), il partigiano castelleonese Serafino Corada, il nostro Mario Coppetti…

Nome di grande rilievo di un nostro conterraneo di Giustizia e Libertà è quello di Walter Federici: a lui è dedicata questa sintetica memoria. Infatti egli fu davvero esemplare nella attuazione di principi essenziali propugnati dai Rosselli: la spinta all’azione contro ogni “attendismo”, il lavoro per una confluenza unitaria delle forze antifasciste, il valore base della cultura per formare una nuova classe dirigente per una società libera e più giusta. Continua »

Carlo e Nello Rosselli

Resistenza in festa – Monticelli d’Ongina, 2017

Pagina 1 di 2712345...1020...Ultima »